Campione Italiano Kitesurf Freestyle 2014

I nostri atleti a confronto per aggiudicarsi il titolo di campione italiano!

Il campionato freestyle è una competizione in cui gli atleti vengo giudicati da una giuria durante l'esecuzione di manovre new school (wake style), cioè sganciati dal trapezio.

Manovre che prevedono salti in rotazione, kiteloop e handle pass (classica manovra new school che consiste nel passare la barra dietro la schiena).

La maggior parte delle manovre che si possono vedere in gara derivano dal wake board e prevedono classiche rotazioni con passaggi di barra.

In questo articolo documenteremo i punti salienti del Campionato Italiano Freestyle 2014.

La stagione estiva 2014 si conclude con la fine dei campionati italiani di freestyle svolti nella nostra fantastica location di Porto Botte in Sardegna. Tra i grandi atleti che vi hanno partecipato ricordiamo il trio della famosa Jama Kite Coccoluto, Garofalo (campione 2013) e Francesca Bagnoli (per la categoria donne),  Ragazzoni, Barberi e i fratelli Minutello, i fratelli Vicario, Cavaiola e il nuovo rider Riccardo Ruotolo del team Advance per la categoria juniores. La competizione, come si è già accennato, prevede la divisione degli atleti nelle categorie maschile, femminile e juniores.

Il 3 maggio ha avuto inizio la prima tappa del circuito svolta a Vindicio, uno degli spot più conosciuti nel Lazio. Purtroppo in questa occasione gli atleti non hanno potuto gareggiare per via di un'alluvione che si è abbattuta sullo spot e ha causato assenza di vento.

Il 2 e il 3 agosto la competizione si è svolta a Talamone, in cui invece è stato possibile eseguire il primo giorno di gare, nonostante l'instabilità del vento ha portato a numerose interruzioni. Nelle single elimination  si sono visti trionfare i fratelli Vicario nella classe juniores, Gianmaria Coccoluto eGabriele Garofalo rispettivamente primo e secondo nella categoria maschile, mentre per quanto riguarda la categoria femminile, Francesca Bagnoli si aggiudica il podio. 

Il campionato si sposta successivamente in Sardegna per la terza tappa del Campionato Italiano Freestyle 2014 nello spot di Porto Botte. Purtroppo in questa occasione il meteo non si è rilevato attendibile e il vento è stato totalmente assente, non permettendo così di disputare le single eliminatione stabilendo quindi come classifica finale la stessa decretata a Talamone.

Lo scopo nei prossimi anni è quello di far conoscere il kitesurf freestyle ai giovani rider italiani con la nascita di nuove squadre orientate alla formazione di questa disciplina. Altro obiettivo sarà quello di promuovere la conoscenza di questo campionato, con la ricerca di nuovi sponsor che possano incentivare la disciplina del freestyle. Sicuramente la creazione di un nuovo kite camp come quello organizzato quest'estate a Porto Botte con Alberto Rondina per avvicinare i giovani ragazzi alle attività agonistiche sarà un'ottima occasione. 

Non ci resta che attendere il nuovo campionato ricco di nuove idee e atleti pronti a dar spettacolo...